Condividi su Facebook | | |

Tosi-Del Barba al 2Valli con una Fiesta R5 by Erreffe

Il pilota di Carpineti ed il navigatore di Castelnovo Monti ci riprovano: dopo lo sfortunato esordio dell’Appennino Reggiano (foto Massimo Carpeggiani), l’equipaggio si rimette in gioco su una quattro ruote motrici nell’ultima prova del CIR. E al Monte Caio potrebbe esserci il tris…

Ci saranno anche i reggiani Tosi-Del Barba al via del 2Valli, round decisivo del CIR 2018. I due, campioni di raggruppamento R3 nell’IRC, saranno al via della gara veneta su una Ford Fiesta (R5) della Erreffe per quella che sarà la seconda uscita su una trazione integrale.

E sarà un… quasi esordio, di sicuro un’occasione per ‘esorcizzare’ il battesimo a quattro ruote motrici dello scorso maggio (i due, allora al volante di un’i20 WRC, capottarono quand’erano in testa alla gara di casa, l’Appennino Reggiano). Quel che è certo è che, a differenza della precedente esperienza, Tosi e Del Barba si affacceranno sul palco partenza scaligero senza pressioni sulle spalle: al 2Valli, i portacolori di Movisport correranno per fare esperienza e divertirsi, senza aver alcuna ambizione di classifica.

Il target, caso mai, sarà quello solito di chi muove i primi passi su un’auto sconosciuta: fare progressi. “Se con la Clio R3 busco 3 secondi al chilometro dalle trazioni integrali – riflette infatti Tosi -, al 2Valli sarei contento se, alla fine, riuscissi a dimezzare il divario. Ma, prima di tutto, voglio riprendere in un qualche modo il discorso interrotto bruscamente a San Polo. La stimolo di rimettermi in gioco, di accettare la sfida con una vettura ancora una volta nuova, tutta da scoprire, è trascinante…”.

Al 2Valli, insomma, l’imperativo sarà arrivare al traguardo. Poi, se dovessero incastrarsi i ‘soliti’ tasselli del puzzle, non è da escludere che Gianluca ed Alessandro si ripropongano al via di un’altra gara a bordo di una trazione integrale. L’occasione potrebbe presentarsi già alla Ronde del Monte Caio d’inizio novembre, gara nella quale i due hanno sempre ben figurato nelle occasioni che li hanno visti accettare la sfida con il cronometro della prova parmense.

  • Letto 1556 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK