Condividi su Facebook | | |

Calendari 2020: il CRZ su cinque gare, esce il Colline di Romagna

La prima novità di rilievo riguardante il calendario rallystico 2020 della nostra zona riguarda il rally romagnolo, che esce dal torneo di zona; confermate tutte le altre gare presenti nel calendario CRZ di quest’anno. Il Salsomaggiore votato miglior rally del CRZ regionale 2019.

Con l’annuncio delle gare titolate Aci Sport della prossima stagione, il calendario 2020 inizia a prendere forma offrendoci le prime certezze. Anzi tutto, ahinoi, la nostra zona non può contare su promozioni rilevanti; restano dunque nel CIRT Adriatico e San Marino, con quest’ultima gara eletta a riserva nel CIR.

Così, per trovare l’unica novità di un certo spessore occorre scendere al campionato regionale, e cioè alla Zona 5 del CRZ. Ed è davvero il caso di dire che la Zona 5 si fa in cinque, anche se è più corretto dire che si riduce a cinque gare: contrazione dovuta all’uscita di scena del Colline di Romagna, la cui cancellazione dal calendario CRZ dispiace molto ma non stupisce altrettanto, vista la costante flessione d’iscritti di questi ultimi anni. La gara, peraltro, non dovrebbe scomparire dai radar rallystici, in quanto Eventstyle si è detta intenzionata a riproporla nel formato di rally day (o ronde, come dicono fonti vicine all’organizzatore).

Il CRZ 2020 si articolerà quindi sulle due gare su terra che fanno parte del tricolore terra (Adriatico e San Marino) e sulle tre emiliane su asfalto che hanno già fatto parte del campionato regionale concluso lo scorso settembre; è tuttavia interessante notare come sia il Salsomaggiore (il podio nella foto di Massimo Carpeggiani in esclusiva per Rallysmo.it), sia il Città di Modena abbiano guadagnato l’aumento del coefficiente, che sale ad 1,5 e va a pareggiare quello dei due rally ‘terraioli’, mentre l’unico rally a rimasto a coefficiente uno è il RAAB.

La maggiorazione di coefficiente suona per i due rally emiliani come una mezza promozione o, se preferite, una lode per quanto di buono mostrato quest’anno: il Salsomaggiore – eletto anche miglior rally di Zona 5 nel 2019, cosa che vale all’organizzatore il rinnovo gratuito della licenza – ha retto bene il salto da rally day a gara del CRZ, riuscendo a strappare il record regionale d’iscritti regionale con le sue 91 adesioni e mostrando buoni spunti sul piano organizzativo; quanto al Modena, non sono evidentemente passati inosservati la crescita d’iscritti (+28% per il rally moderno) e la buona riuscita dell’ultima gara valida per il CRZ 2019.

Non ci resta ora che attendere la fine del mese per avere le date definitive del calendario 2020 che, ovviamente, potrà contare anche sulle altre gare non titolate ma certamente non meno importanti, a partire da Appennino Reggiano e Taro, che attendiamo di ritrovare nell'IRCup.

  • Letto 392 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK