Condividi su Facebook | | |

La sfortuna relega Bierremotosport al terzo posto di classe del rally Appennino Reggiano

COMUNICATO STAMPA

I giovani locali Nicolò Giorgini e Dario Prete (foto Dino Benassi) rallentati da due contrattempi, senza i quali avrebbero combattuto per il primato di classe. Resta la soddisfazione per le prestazioni e l’affidabilità della vettura.

Bierremotorsport ritorna dall’Appennino Reggiano con un bicchiere mezzo pieno. Già, poteva andare meglio, la trasferta più breve della stagione del team biancorosso. Invece, le ambizioni della vigilia sono state in parte frustrate da un paio di episodi che hanno fatto perdere secondi importanti alla Peugeot 208 condotta dal 27enne di Reggio Emilia Nicolò Giorgini e dal 33enne di Bibbiano Dario Prete.

Subito dopo un’ottima partenza, che lasciava ben sperare per il prosieguo della gara, l’equipaggio è incappato in un ‘fuori programma’ costato oltre mezzo minuto; il cammino dei due reggiani è poi proseguito di nuovo su ritmi da… freccia biancorossa, permettendo loro di riagguantare il secondo posto di classe, sino a quando, nel corso dell’ottava prova speciale, una foratura ci ha messo lo zampino. Gli altri secondi di ritardo hanno fatto scalare l’equipaggio locale al terzo gradino del podio.

Fin qui, il film della gara. A motori spenti, però, l’analisi finale del clan Bierremotorsport è intrisa di positività: la bilancia pende dal lato positivo in considerazione delle prestazioni ancora una volta elevate e dell’ottima affidabilità della Peugeot 208 ora curata da V-Mat Racing, ma anche della velocità espressa da Giorgini – il quale non saliva in macchina da oltre sette mesi – e dall’ottimo feeling con il quale team ed equipaggio hanno lavorato in questi due giorni.

“I riscontri – conferma Ivano Berselli, fondatore e anima di Bierremotorsport – sono più che positivi. Al netto degli episodi, che certamente non ci hanno aiutato, l’Appennino Reggiano ha confermato quanto di buono già mostrato al 1000 Miglia. La macchina che abbiamo allestito all’inizio dell’anno è decisamente competitiva ed affidabile; in aggiunta, ci ha fatto un gran piacere ritrovare Nicolò e Dario, ragazzi di valore a livello umano e sportivo con i quali il feeling è sempre eccellente. E’ un peccato che siano incorsi in queste disavventura, altrimenti avrebbero conquistato ben altro risultato”.

Nicolò Giorgini ci racconta la sua gara: “Siamo partiti molto bene, tenendo il passo dell’equipaggio che avrebbe poi vinto la classe – attacca il portacolori di Modena Racing Team -, poi abbiamo compiuto una sbavatura sulla seconda prova, molto umida, che ci ha fatto perdere tempo decisivo. Abbiamo così iniziato una rimonta che ci avrebbe permesso di chiudere almeno secondi di classe, se non avessimo forato sulla penultima frazione, quando ancora mancavano alcuni chilometri al fine prova; peccato, perché nonostante questo abbiamo abbassato il nostro miglior tempo su quella speciale di due secondi. Senza questi due inconvenienti, sono convinto che avremmo lottato per la vittoria in R2B. Il rammarico è tuttavia compensato dalla soddisfazione per come abbiamo corso dopo un così lungo periodo d’inattività; inoltre, mi ha fatto molto piacere ritornare a lavorare con Bierremotorsport e, ora, anche con V-Mat Racing; la macchina è stata super per tutto il week-end, confermandosi una garanzia sotto ogni profilo”.

FONTE: UFFICIO STAMPA BIERREMOTORSPORT

  • Letto 255 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK