Condividi su Facebook | | |

GDA al Grifo con Luca Danese (Clio R3)

COMUNICATO STAMPA

Il pilota di Roncà (foto d'archivio Foto Sport), portacolori di GDA Communication, aprirà la propria stagione sulle speciali vicentine, alla guida di una Renault Clio R3.

Buon compleanno Rally del Grifo, il quale si appresta a festeggiare l'edizione del decennale, in programma tra Sabato 18 e Domenica 19 Maggio.
L'appuntamento vicentino, uno dei più sentiti in ambito triveneto, è pronto ad accogliere i concorrenti che si sfideranno nella due giorni, tra i quali anche GDA Communication ha voluto riconfermare la propria presenza. A difendere i colori della scuderia di Modena ci penserà Luca Danese, in gara con una Renault Clio R3, curata da Luca De Rizzo, che sarà condivisa con Valentina Zandonà. Un ritorno, quello del pilota di Roncà sulle speciali vicentine, con il desiderio di riscattare la sfortunata apparizione del 2013 quando, alla guida di una Renault Clio Williams di gruppo A, si vide costretto ad alzare bandiera bianca.

“Finalmente torna il momento di indossare tuta e casco” – racconta Danese – “e siamo contenti di poter iniziare dal Rally del Grifo, seppur il ricordo della nostra ultima ed unica apparizione non è dei migliori. Nel 2013, su una Clio gruppo A, ci fermammo quasi subito. Ci auguriamo che, quest'anno, possa andare meglio anche se le previsioni meteo non ci confortano. Correremo con la Clio R3, la quale è stata oggetto di una revisione completa di Luca De Rizzo, che ringrazio di cuore da subito, sperando ci possa dare più soddisfazioni che nel 2018.”

Sette le prove speciali complessive previste per la decima edizione del Rally del Grifo, suddivise in due giornate di gara, per un totale di quasi sessanta chilometri cronometrati. Tutta in notturna la prima frazione, Sabato 18 Maggio, con due passaggi sulla “Nogarole” (7,50 km) ed uno soltanto sulla “Altissimo” (12,80 km). Domenica mattina, usciti dal riordino, la sfida si articolerà sui tratti cronometrati di “Chiampo” (7,50 km) e “Quargnenta” (7,50 km), entrambe da ripetere per due tornate. Un evento rinomato per la sua selettività e che, con la complicità del meteo, potrebbe rendere la vita ancora più difficile ai concorrenti, elevando l'asticella della sfida tecnica e sportiva.

“Come per lo scorso anno” – sottolinea Danese – “la nostra partecipazione al Grifo è da considerarsi una gara spot. Gli impegni di lavoro non ci permettono di poter perseguire, con costanza, un obiettivo specifico. Ci accontentiamo dei ritagli di tempo che possiamo dedicarci e cerchiamo di dare comunque il massimo, nelle nostre potenzialità, ad ogni occasione. È da tanto tempo che non affrontiamo prove speciali in notturna e sarà tutto da riscoprire ma, al tempo stesso, sarà anche molto affascinante perchè riporterà alla mente i ricordi dei rally di una volta. Confidiamo, prima di tutto, di arrivare in fondo e di cercare di crescere un po' di più, rispetto alle ultime uscite. Rispetto all'edizione del 2013 le prove sono diverse, all'epoca era una ronde, e mi sono state descritte. Qualche pezzettino lo conosco perchè passa vicino casa mia ma, da quel che ho saputo, se dovesse piovere il sottobosco diventerà molto insidioso.”

FONTE: UFFICIO STAMPA GDA COMMUNICATION

  • Letto 101 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK