Condividi su Facebook | | |

CIR Storiche: Bossalini al Sanremo per l'ardua difesa della vetta

COMUNICATO STAMPA

Tutto da seguire, come sempre il Rally di Sanremo Storico. La gara ci riporterà indietro nel tempo, proponendo strade, auto e campioni che proprio da queste parti hanno sempre dato il meglio di se stessi, ma anche giovani che campioni vogliono diventare. Il secondo round del match tra "Lucky", il campione uscente, ed il piacentino Elia Bossalini (foto) lo sfidante al secondo anno al volante di una vera icona dell'automobilismo internazionale: la Porsche 911. Sfida che offre al fuoriclasse vicentino e dominatore nella stagione passata concrete probabilità di pareggiare i conti con l'emiliano, vincitore al recente Vallate Aretine. Sono le condizioni meteo l'ago della bilancia: nel caso di pioggia battente come in questi giorni di vigilia, la trazione integrale della Lancia Delta di "Lucky" potrebbe avere qualche chance in più, rispetto alla trazione posteriore della Porsche 911 Gruppo B di Bossalini.

Avrà l'opportunità di rientrare puntando al massimo risultato possibile anche Lucio Da Zanche. Il valtellinese ci ha abituati a prove esaltanti al Sanremo e non deluderà le attese presentandosi con una Porsche 911 Gruppo B. Cliente scomodo per tutti sarà Simone Romagna che, con la Lancia Delta Integrale, non solo concorrerà per il primato del quarto Raggruppamento, ma potrà dir la sua anche per il discorso assoluto.

Attese sono generate dalla presenza dell'istrionico Gabriele Noberasco, dell'inossidabile "Tramezzino" Federico Ormezzano e di Manuel Villa, annunciati al volante di fiammanti BMW M3, tradizionali vetture a trazione posteriore, ma accreditate di ottima competitività al pari della Ford Sierra Cosworth, sempre di Gruppo A, del senese Valter Pierangioli e della Lancia Rally 037 di Paolo Baggio. Rispolvera la Peugeot 309 GTi Gruppo A, l'alessandrino Italo Ferrara, ma anche Eugenio Bellotti, sempre su 309, e Gspare Allessi con la Opel Kadett GSI.

Sfortunato al Vallate Aretine, il biellese Davide Negri ribadirà la sua competitività nella gara ligure, che non gli è mai stata troppo benevola, al volante della Porsche 911 Rsr Gruppo 4, inseguendo il primato nel 2. Raggruppamento incrociando le traiettorie con il sanremese Maurizio Pagella, Mario Morando e il torinese Umberto Parisi sempre con Porsche 911. Classe Duemila avrà nel novarese Dino Vicario il protagonista, al volante della Ford Escort Gruppo 2, duellando con Valter Anziliero con un'altra Escort. Rientra in gara il biellese Nicola Salin inseguendo il successo di classe 1300 con la Lancia Fulvia, dove sono presenti Espen e Cassina,

Il terzo Raggruppamento ha nel biellese Roberto Rimoldi il riferimento. Nella classe delle Porsche 911 SC, il piemontese troverà Gianmarco Marcori, Acconciaioco e "MGM", e Alberto Battistolli al rientro con la Fiat 131 Abarth e Marcello Rocchieri su Oper Kadett GTE Gruppo 2. Duello stellare nel primo Raggruppamento, tra il varesotto Marco dell'Acqua, vincente nel primo round in toscana, e il torinese Antonio Parisi, entrambi su Porsche 911 S. Fabrizio Pardi animerà la classe 1300 con la Lancia Fulvia, mentre Pietro Turchi caratterizzerà la classe 1600 con la Fiat 125. Daniele Ruggeri, su Fiat 127 Sport, e Ugo Canetti, A 112 Abarth saranno in corsa per i punti del Trofeo Rally di Zona.

Il 33esimo Rally Sanremo Storico ai corre in abbinamento con la seconda gara del Campionato Italiano Rally, ma con orari differenti delle Verifiche Sportive, previste dalle 15 di oggi, e delle stesse prove speciali. Lo start infatti sarà dato alle 12.40 del giorno successivo, venerdi 13 sulla pedana del Casinò di Sanremo a cui seguiranno infatti le frazioni cronometrate di Vignai dallo sviluppo di 14,31 chilometri, Bignone da 10,62 chilometri, e San Romolo da 14,24. Prove speciali che saranno ripetute una seconda volta prima dell'arrivo di tappa 21.11 in Piazza Borea D’Olmo. Sabato 14 aprile start seconda tappa alle 8.10, le tre prove speciali in sequenza: Testico da 14,24 chilometri, San Bartolomeo da 10,53, e Colle d’Oggia da 7,89 chilometri; secondo giro con solo due piesse: Testico–San Bartolomeo da 25,71 chilometri e Colle d’Oggia. Arrivo sulla pedana davanti al Casinò a partire dalle ore 16.45. Il percorso totale è di 471,08 chilometri, 11 le Prove Speciali per 144,60 chilometri cronometrati.

FONTE: UFFICIO STAMPA ACISPORT

  • Letto 63 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK