Condividi su Facebook | | |

Anticipazioni su alcune delle principali novità regolamentari Acisport 2018

COMUNICATO STAMPA

Queste sono alcune delle principali novità regolamentari Rally 2018 tra le quali anche alcune sul Campionato Italiano Rally.

CALENDARIO
I Rally facenti parte di serie nazionali e/o internazionali non possono avere alcuna validità ACI. I Rally valevoli per qualsiasi titolo ACI non possono essere iscritti nei calendari delle Serie nazionali e/o internazionali.

UFFICIALI DI GARA
In tutti i Rally e Ronde è previsto il Collegio dei Commissari Sportivi.
In tutti i Rally e Ronde è previsto il Direttore di gara aggiunto. Obiettivo: garantire la presenza del Direttore di gara in ogni evenienza, anche per i rally privi di titoli nazionali e per le ronde. Motivo: sicurezza, a fronte del maggior impegno legato al controllo del Tracking e all'assistenza ai supervisori.

SUPERVISORI
I supervisori, inviati dalla Federazione (da un elenco già esistente di elementi scelti), almeno 2 mesi prima della gara, riceveranno il piano di sicurezza dagli organizzatori, ispezioneranno il percorso e invieranno le loro prescrizioni, prima che venga trasmesso il RPG. Saranno presenti in gara per verificare che le prescrizioni siano state applicate.

VETTURE RGT
Le vetture RGT possono partecipare a tutti i rally con fondo sterrato e possono acquisire punteggio anche nella gare di Campionato Regionale.

RICOGNIZIONI
Nel caso di prove speciali che comportano, per il ritorno, una percorrenza di numerosi chilometri, l’Organizzatore ha la possibilità di prevedere una pausa nelle ricognizioni, al fine di consentire - con i dovuti controlli - di percorrere la medesima prova in senso contrario di marcia.

PERCORSO
- Chicane: Salvo disposizioni diverse impartite dalla Commissione di collaudo del percorso, per ogni chicane potranno essere previste al massimo 4 barriere. Il pettine composto da una unica barriera non è considerato chicane. Lo spazio tra gli elementi che compongono la barriera non deve superare la distanza di 150 cm in modo da non permettere il passaggio delle vetture.
Il road-book deve darne una descrizione la più dettagliata possibile precisando la distanza tra le barriere e la larghezza dei passaggi previsti. Le distanze tra le barriere devono essere di 10 metri.
- Cartello STOP: Il controllo stop, segnalato da un cartello STOP su fondo rosso, deve essere posizionato a una distanza minima di 200 metri dopo il cartello di fine prova speciale.
- Postazioni radio: Nelle postazioni radio l’organizzatore dovrà provvedere affinché gli apparecchi radio in uso del personale siano dotati di auricolare con microfono incorporato.

CAMPIONATO ITALIANO RALLY
- Tutte le gare del CIR si effettueranno in un'unica tappa che si potrà svolgere in due giornate. Ogni gara, con esclusione di quelle titolate Fia, dovrà avere una durata complessiva di tre giorni, dalle ricognizioni alla premiazione, dal giovedì al sabato. In base alla classifica finale verrà assegnato un unico punteggio.
- Il Campionato Italiano Due Ruote motrici sarà riservato a tutte le vetture R2, R3 e RGT ed il punteggio verrà assegnato in base alla classifica di classe.
- Il Campionato Italiano Rally Asfalto sostituirà il Trofeo Rally Asfalto (nella foto Acisport, il campione 2017 Simone Campedelli) e sarà previsto per tutti conduttori che non siano mai risultati primi classificati nella classifica assoluta di una gara del CIR. Saranno previste tutte le gare in asfalto del CIR.

COPPA ITALIA
Per potersi aggiudicare il titolo i Conduttori dovranno partecipare almeno a un rally in due regioni diverse appartenenti alla medesima zona.

FONTE: UFFICIO STAMPA ACISPORT

  • Letto 126 volte
Torna in alto

Questo sito usa i cookies per migliorare i servizi e l'esperienza dell'utente.

Se decidi di continuare la navigazione considereremo che stai accettando il loro utilizzo. Più info

OK